Senza categoria

ELETTROMAGNETISMO SCALARE E CONTROLLO DEL TEMPO – LA NUOVA NORMALITÀ?

Weather Engineering – Segnali di ingegneria meteorologica nelle formazioni di nuvole

*************

La scienza non è riuscita a prevedere l’intensità delle inondazioni in Germania e il caldo pazzesco in Canada. Come mai? Col. Thomas Bearden e altri denunciano da tempo guerre meteorologiche scalari in atto. 

Cos’è il tempo scalare? 

R.Kayne

Il tempo scalare si riferisce alla presunta capacità di progettare il tempo utilizzando “nuove” onde elettromagnetiche longitudinali (EM) per creare a grandi distanze delle aree geografiche di riscaldamento e di raffreddamento nell’atmosfera o nell’oceano.

I cambiamenti di temperatura normali danno inizio a vasti effetti climatici come siccità, pioggia, uragani, tornado e altri fenomeni. Le “guerre meteorologiche scalari” sono considerate responsabili dell’avvio di tali eventi, e della diminuzione o del peggioramento di quelli esistenti o comunque presenti in natura. Il tempo scalare può presumibilmente manipolare la corrente a getto introducendo aree di alta e bassa pressione. Questo può effettivamente spingere la corrente a getto verso nord o verso sud e guidare una tempesta. Coloro che aderiscono alle guerre meteorologiche scalari credono che una recente tempesta potenziata e diretta in questo senso sia stata l’uragano Katrina, che ha colpito la Costa del Golfo degli Stati Uniti nell’agosto 2005.

Il tempo scalare è una delle teorie di ‘cospirazione’ più calde del nuovo secolo, anche se le sue radici risalgono a diversi decenni fa. Uno dei suoi principali sostenitori, il tenente colonnello Thomas Bearden ( militare in pensione), sostiene che il tempo del Nord America sia stato manipolato a livello internazionale tramite armi climatiche scalari negli ultimi cinque decenni.

Le combinazioni di onde EM longitudinali “ibride”, prodotte presumibilmente per il controllo climatico scalare, possono essere proiettate da qualsiasi punto della terra utilizzando trasmettitori di onde. La coppia di onde, che si dice essere elettrogravitazionale, può presumibilmente essere diretta attraverso la terra e gli oceani per transitare in una particolare posizione geografica, causando un’interferenza o uno schema a griglia. Si dice che le “nuvole a griglia” siano uno dei segni rivelatori della manipolazione artificiale del tempo. I campi di forza creati nella zona di intersezione possono essere manipolati per caricarli di calore o freddo radiante.

I sottoscrittori (ndr: di questa teoria) sostengono che lo scopo delle guerre meteorologiche scalari è quello di causare grandi danni economici ad una nazione, come gli Stati Uniti, al fine di creare un eventuale collasso attraverso una serie di disastri “naturali” diffusi. Oltre al tempo atmosferico, le onde EM possono anche essere utilizzate per causare terremoti ed eruzioni vulcaniche. Sul suo sito web, Bearden cita il Segretario della Difesa William Cohen in una conferenza stampa del Dipartimento della Difesa (DOD) del 1997 sul terrorismo:

“Alcuni sono già impegnati in una sorta di eco-terrorismo che può cambiare il clima, innescare terremoti e vulcani utilizzando onde elettromagnetiche da lontano. Quindi ci sono molte menti intelligenti là fuori che stanno trovando il modo di infondere paura in altre nazioni. Questo è reale, e questo è il motivo per cui dobbiamo intensificare i nostri sforzi”.

È inoltre è accertato che le onde EM di sufficiente magnitudine possono essere usate per disabilitare gli aeroplani, virtualmente facendoli cadere dal cielo, distruggere i satelliti e disturbare le onde cerebrali umane. Alcuni credono che una forma avanzata di questa tecnologia potrebbe essere capace di un controllo mentale di massa. (ndr ne ha già parlato Gordon MacDonald nel 1968 vedi NOTA)

Bearden sostiene che le armi meteorologiche scalari sono state sviluppate per la prima volta nel 1976 dal KGB e vendute a “un gruppo giapponese canaglia” nel 1989, restando sul territorio russo sotto controllo congiunto. È da questo sito che il tempo nordamericano continua ad essere manipolato, secondo Bearden. (ndr pare però che i maggiormente colpiti da eventi devastanti siano stati i giapponesi in questi ultimi decenni).

Bearden e altri denunciano che la risposta dell’America alle guerre meteorologiche scalari è il Programma di Ricerca Aurorale Attiva ad Alta Frequenza (HAARP). Fondato da due rami dell’esercito statunitense e dall’università dell’Alaska, l’obiettivo dichiarato di HAARP è quello di “comprendere, simulare e controllare i processi ionosferici che potrebbero alterare le prestazioni dei sistemi di comunicazione e sorveglianza”.

Negli anni ’90, una manciata di fisici americani espresse le proprie preoccupazioni nelle riviste scientifiche sul possibile sfruttamento di HAARP. In sostanza hanno affermato che HAARP potrebbe essere usato come un’arma, mettendo fuori uso aerei e missili o interrompendo le comunicazioni su vaste aree della terra. Bernard Eastlund, un fisico che ha lavorato inizialmente su HAARP, ha proposto applicazioni di tipo militare utilizzando onde ad alta frequenza per mettere fuori uso missili o imbarcazioni. I responsabili di HAARP sostengono che i brevetti di Eastlund non siano mai stati incorporati nel suo progetto e ignorano le voci che HAARP sia un’arma, o usato per il controllo scalare del tempo.

Traduzione a cura di Nogeoingegneria

FONTE https://www.allthingsnature.org/what-is-scalar-weather.htm

NOTA: Gordon MacDonald fu membro dell’Organo di Consulenza Presidenziale ed in seguito membro del consiglio per il controllo tecnologico con propositi militari.

Scrisse nel 1968:

Entro l’anno 2018, la tecnologia metterà a disposizione ai leader delle maggiori nazioni una varietà di tecniche per condurre una guerra segreta, di cui solo una minima parte delle forze di sicurezza debbano essere informate. Una nazione può attaccare un concorrente di nascosto con mezzi batteriologici, indebolire accuratamente la popolazione (seppure con un minimo di morti) prima di prendere il controllo con le proprie forze armate. In alternativa, potrebbero essere impiegate le tecniche di modificazione del clima per causare prolungati periodi di siccità o tempeste, indebolendo in tal modo la capacità di una nazione e costringendola ad accettare le richieste del concorrente”.

Elettromagnetismo scalare e controllo del tempo

Quello che segue è un esempio di corrispondenza tra Tom Bearden e persone interessate ad alcune delle applicazioni delle sue teorie di elettromagnetismo scalare.

Il tempo anomalo in tutto il mondo non è accidentale. Nella teoria del superpotenziale, che è stata avviata da un documento di E.T. Whittaker nel 1904, è possibile produrre campi di forza EM ed energia del campo di forza a distanza. Nel 1904 Whittaker mostrò che tutti i campi e le onde EM possono essere decomposti in due funzioni potenziali scalari. Ne segue che, assemblando due tali funzioni potenziali scalari in fasci, si può produrre un “interferometro a potenziale scalare” dove i fasci potenziali si intersecano a distanza. In quella zona di interferenza, appaiono campi EM trasversali ordinari ed energia.

Un potenziale scalare è soltanto un assemblaggio armonico di coppie di onde EM longitudinali bidirezionali, come mostrato in un articolo di E.T. Whittaker dell’anno precedente, 1903. Così si possono produrre le onde longitudinali necessarie, in bande, per “assemblare” un potenziale scalare con qualsiasi composizione LW interna desiderata.

Così, usando onde EM longitudinali (LW), si possono produrre potenziali, campi e onde su misura. …

Scrive Beardon: Quell’incidente del 9 aprile 1984 al largo della costa del Giappone e vicino alle Curili, fu un enorme test di (1) un’esplosione fredda appena sopra la superficie dell’oceano, che improvvisamente restrinse l’aria in modo che l’aria circostante si precipitasse dentro, incontrandosi e salendo verso il cielo, trascinando con sé molta acqua come nebbia e nuvola densa. Poi è stato condotto un secondo test: una sfera luminosa è apparsa in cima alla grande nuvola di funghi dell’esplosione fredda. Poi quel globo sferico si espanse, fino a raggiungere circa 380 miglia di diametro. Il centro del globo in quel momento era a circa 200 miglia di altitudine. Questo è scritto in due begli articoli nella rispettata rivista Science.

ARTICOLO INTEGRALE DI BEARDON http://www.zamandayolculuk.com/tombearden.htm

*********************

ESTRATTO DEL LIBRO  PIANETA TERRA ARMA DI GUERRA di ROSALIE BERTELL (testo inedito)

Riscaldatori della ionosfera: HAARP e Woodpecker

***********************

IMPORTANTE!: Il materiale presente in questo sito (ove non ci siano avvisi particolari) può essere copiato e redistribuito, purché venga citata la fonte. NoGeoingegneria non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale ripubblicato.Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *