Senza categoria

La modalità di navigazione in incognito potrebbe non funzionare come credi

Indipendentemente dal browser che preferisci: Chrome, Firefox, Edge, Safari , Opera o uno qualsiasi degli altri, quasi sicuramente offrirà una modalità in incognito o privata, che apparentemente mantiene segreta la tua navigazione sul web. (Google Chrome mostra ancora un’icona con cappello e occhiali quando vai in incognito, come se ora fossi sotto mentite spoglie.)

La modalità in incognito o privata mantiene effettivamente alcuni aspetti di la tua navigazione privata, ma è importante essere consapevoli di ciò che nasconde e cancella dal tuo computer o telefono e di cosa non fa. Una volta capito esattamente cosa fanno queste modalità nel tuo browser, saprai quando possono essere più utili.

Cosa fa la modalità di navigazione in incognito

Forse il modo più semplice di pensare alla modalità di navigazione in incognito è che non appena chiudi la finestra di navigazione in incognito, il tuo browser web dimentica che la sessione è mai avvenuta: non viene conservato nulla nella cronologia di navigazione e tutti i cookie creati (quei piccoli frammenti di dati che registrano alcune delle tue azioni online) vengono prontamente cancellati.

I cookie sono ciò che mantiene gli articoli nel carrello di Amazon anche se li dimentichi per giorni, ad esempio, e aiutano anche i siti a ricordare se li hai già visitati in precedenza, motivo per cui normalmente vieni infastidito per iscriverti alla newsletter di un sito la prima volta che arrivi. Potresti notare se visiti tutti i tuoi siti preferiti in modalità di navigazione in incognito, non verrai riconosciuto e ti verrà chiesto di iscriverti a un intero carico di newsletter e offerte speciali da capo.

Chrome tenta di spiegare come funziona la modalità di navigazione in incognito quando apri una sessione privata.

Schermata: David Nield via Google

Questo tipo di anonimato è ciò in cui la modalità di navigazione in incognito è efficace: è come ricominciare con una tabula rasa, nel bene e nel male. Prova a caricare Twitter o Gmail e questi siti non ti accederanno automaticamente come fanno normalmente. Per lo stesso motivo, la modalità in incognito a volte può essere un modo utile per accedere a più articoli gratuiti da un sito a pagamento (il sito non ti identificherà immediatamente come qualcuno che è stato prima, anche se molti siti a pagamento utilizzano altri metodi per capirlo).

Il tuo browser non ricorderà dove sei stato, cosa hai cercato o le informazioni che hai compilato nei moduli web mentre eri in modalità di navigazione in incognito —È come se Chrome, Firefox o qualunque altro browser tu stia usando, ha le spalle girate fino a quando non chiudi di nuovo la modalità di navigazione in incognito.

Con i browser ora così personalizzati, sei probabilmente conoscerai i tuoi siti Web visitati di frequente che compaiono mentre digiti nella barra degli indirizzi o nella casella di ricerca. Tutto ciò che hai visitato o cercato in modalità di navigazione in incognito non dovrebbe apparire in questi suggerimenti (con alcune avvertenze, come menzioneremo di seguito). Noterai in alcuni browser che non puoi tirare il normale trucco di riaprire una scheda che hai appena chiuso mentre sei in modalità di navigazione in incognito: il tuo browser ha già dimenticato di averlo mai aperto.

Tutti i browser moderni sono dotati di una modalità privata o in incognito di una certa descrizione.

Schermata: David Nield via Firefox

La modalità di navigazione in incognito ha sicuramente i suoi usi: puoi accedere a più account contemporaneamente, ad esempio, anziché accedere e disconnettersi. È anche utile quando è necessario eseguire alcune ricerche rapide su argomenti delicati, come problemi di salute, che non si desidera visualizzare in futuro nella cronologia di navigazione o di ricerca.

Sebbene tutte le tracce delle tue attività in incognito spariranno non appena chiudi queste finestre, ciò è vero solo per quanto riguarda il tuo browser e il dispositivo che stai attualmente utilizzando. In questi giorni, il monitoraggio e il data mining si estende ben oltre un singolo browser e un singolo dispositivo.

Cosa non fa la modalità di navigazione in incognito

Non appena accedi a uno dei tuoi siti preferiti in modalità di navigazione in incognito (Facebook, Amazon, Gmail), le tue azioni non sono più anonime o temporanee, almeno per quanto riguarda tali servizi. Sebbene i cookie e i dati di tracciamento vengano eliminati al termine della sessione privata, possono comunque essere utilizzati mentre la sessione è attiva, collegando le attività tra vari account e profili.

Ciò significa che se hai effettuato l’accesso a Facebook, ad esempio, Facebook potrebbe essere in grado di vedere cosa stai facendo su altri siti e regolare di conseguenza la sua pubblicità, anche in modalità di navigazione in incognito. Il blocco dei cookie di terze parti nel tuo browser può in qualche modo impedirlo (Chrome ti offre anche l’opzione quando apri la modalità di navigazione in incognito), ma tale è la portata delle reti pubblicitarie e delle tecnologie di tracciamento che è difficile fermarlo completamente.

Accedi a uno qualsiasi dei tuoi account e puoi essere facilmente rintracciato, anche in modalità privata.

Schermata: David Nield via Apple

Google è già stato nei guai per questa pratica, anche se non è sola. Se accedi a Google mentre utilizzi la modalità di navigazione in incognito, le tue ricerche vengono nuovamente registrate e associate al tuo account, supponendo è così che vengono impostate le preferenze del tuo account Google – e Google utilizza potenzialmente anche la sua rete pubblicitaria e le tecnologie di monitoraggio su altri siti per tenerti d’occhio anche lì.

Anche se non accedi da nessuna parte, i siti web che visiti possono utilizzare vari indizi: il tuo indirizzo IP, il tuo tipo di dispositivo, il tuo browser: per capire chi potresti essere e per legarlo ad altre informazioni che potrebbero già essere associate a te. Alcuni browser reagiscono contro questo tipo di tracciamento, chiamato “fingerprinting”, ma continua ancora.

Tutti i file scaricati in modalità di navigazione in incognito rimangono sul sistema .

Schermata: David Nield via Google

La modalità di navigazione in incognito non nasconde la tua navigazione al tuo provider di servizi Internet o al tuo datore di lavoro e non cancella i file che hai scaricato. In altre parole, devi pensarlo come un modo per nascondere le tue attività online dal browser specifico sul dispositivo specifico che stai utilizzando e dalle altre persone che utilizzano quel dispositivo. Quando si tratta di tutto il resto, non ci sono garanzie.

I limiti della modalità di navigazione in incognito evidenziano quanto sia difficile rimanere invisibili sul web. Per mantenere qualsiasi tracciamento al minimo, devi selezionare un browser incentrato sulla privacy , utilizzare servizi come il motore di ricerca DuckDuckGo che non estrae i tuoi dati e distribuisce un programma VPN affidabile ogni volta che ti connetti a la rete. Abbiamo scritto di più sui passi extra che puoi fare qui .


Altre fantastiche storie CABLATE

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *