difficult

MASSACRO DI BUCHA E RACAK – UCRAINA APRILE 2022 VS. KOSOVO GENNAIO 1999

massacro-di-bucha-e-racak-–-ucraina-aprile-2022-vs.-kosovo-gennaio-1999

nogeoingegneria com climate change geopolitica 100110023 78bebe80 d814 446d a464 a3bda02ff98a

Cos’è il False Flag?

“Una falsa bandiera è un’azione politica o militare condotta con l’intenzione di incolpare un avversario. Spesso le nazioni hanno fatto questo mettendo in scena un attacco reale o simulato dalla loro parte e dicendo che sia stato il nemico, per giustificare l’entrata in guerra”. (BBC).

*******************

Il massacro di Bucha dell’aprile 2022 alla periferia di Kiev ricorda per certi versi la denuncia dell’ambasciatore William Walker contro le forze di sicurezza della Serbia per il “massacro dei civili ” del gennaio 1999 a Racak, in Kosovo.

La guerra USA-NATO contro la Jugoslavia era stata promossa dalla “comunità internazionale” e dai media come un’impresa “umanitaria di pace”.

Il seguente testo è stato scritto al culmine della campagna di bombardamenti USA-NATO nel maggio 1999.

Il massacro di Racak del gennaio 1999

William G. Walker era stato nominato capo della missione di verifica dell’OSCE in Kosovo (KVM). Un incarico su misura: Walker era noto per il suo ruolo nello scandalo “Iran-Contragate” durante l’amministrazione Reagan. L’insurrezione dell’UCK era per molti aspetti una “copia carbone” dei Contras nicaraguensi, anch’essi finanziati dal denaro della droga con il sostegno occulto della CIA.

In Kosovo, William G. Walker ha applicato le sue competenze nelle operazioni segrete acquisite in America centrale. Come capo della Kosovo Verification Mission (KVM), Walker mantenne stretti legami con il comando militare dell’UCK sul campo. Fin dall’inizio della sua missione in Kosovo, ha usato la sua posizione per perseguire gli interessi dell’alleanza USA-NATO.

Il cosiddetto “massacro di Racak” avvenne poco prima del lancio dell’”iniziativa di pace” di Rambouillet (18 marzo 1999), anche se si rivelò un falso [False Flag], il massacro di Racak giocò comunque un ruolo chiave nel “preparare il terreno” per i raid aerei della NATO contro la Jugoslavia che iniziarono il 23-24 marzo 1999.

William Walker dichiarò (in qualità di capo della KVM) che la polizia jugoslava aveva compiuto un massacro di civili a Racak il 15 gennaio 1999. Le autorità jugoslave replicarono che la polizia locale aveva effettivamente condotto un’operazione in questo villaggio contro l’esercito di liberazione del Kosovo e che diversi soldati dell’UCK erano morti nel fuoco incrociato.

Come riportato più tardi da diversi giornali francesi (Le Monde, Le Figaro e Liberation), è stato confermato che il “massacro di Racak” era effettivamente un “falso” montato con lo scopo di screditare Belgrado:

Alla fine, anche il Los Angeles Times si è unito, pubblicando un articolo intitolato “Racak Massacre Questions”: Le atrocità sono state falsificate?” La teoria dietro a tutto questo era che l’UCK aveva raccolto i propri morti dopo la battaglia, tolto le loro uniformi, messi in abiti civili, ed infine ha chiamato gli osservatori”.

Estratto dal capitolo III di Michel Chossudovsky’s US-NATO’s War of Aggression against Yugoslavia

Secondo Paul Watson che riferì da Pristina per il Los Angelos Times (23genniao 1999)

Una nube di controversia offusca la verità sulle uccisioni in Kosovo

Da giorni ormai, una fitta nebbia invernale avvolge un tratto della strada per Racak, e non c’è modo di aggirarla per chiunque vada a cercare la verità su come almeno 40 abitanti di etnia albanese siano morti lì.

È passata una settimana da quando il diplomatico statunitense William Walker, a capo di una squadra di osservatori internazionali della pace nella provincia separatista del Kosovo, ha accusato le forze di sicurezza serbe di “un’atrocità indicibile”, e ciò che lo aveva colpito in quel momento come un fatto orribile è stato lentamente oscurato da una nube di altro tipo.

È il tipo di verità che esce dalla bocca di politici e diplomatici, ribelli e soldati, giornalisti e propagandisti. La verità di Racak può ancora mischiarsi ad essa e diventare parte del brutto mistero che è la guerra dei Balcani.

Diversi giornali francesi e britannici, con nomi rispettati come Le Figaro, Le Monde e il Times di Londra, hanno pubblicato storie suggerendo che Walker e i suoi osservatori potrebbero essere stati ingannati da una cospirazione architettata da guerriglieri di etnia albanese.

Gli articoli citano un video parziale, girato da un cameraman serbo della Associated Press Television, dell’operazione di polizia nel villaggio di Racak il 15 gennaio. Il filmato suggerisce che i cadaveri sono stati spostati prima che gli osservatori di pace iniziassero le indagini il giorno dopo, sostengono i rapporti. (enfasi aggiunta)

Il ruolo dell’OSCE in relazione al massacro di Bucha

Occorre sottolineare che il rappresentante dell’OSCE in Ucraina è stato coinvolto nella valutazione della tragedia di Bucha.

Il 5 aprile 2022, prima dello svolgimento di un’indagine dell’OSCE sul massacro di Bucha, sono state rivolte accuse senza basi alla Russia.

Il ritiro della Russia da Bucha?

Il ritiro delle truppe russe dalla periferia di Kiev era stato annunciato dal vice ministro della difesa russo Alexander Fomin, che guidava la delegazione di pace russa a Istanbul:

“Al fine di aumentare la fiducia reciproca e creare le condizioni necessarie per ulteriori negoziati e raggiungere l’obiettivo finale di concordare e firmare un accordo, è stata presa la decisione di ridurre radicalmente, con un ampio margine, l’attività militare nelle direzioni di Kiev e Chernihiv.” (corsivo aggiunto)

Vale la pena notare che il ritiro delle truppe russe (30 marzo) è stato confermato dal sindaco di Bucha il 31 marzo. Vedere il video qui

Per quanto riguarda le prove: Vedi i seguenti articoli

Massacro a Bucha. È stato un False Flag?

Di Jens Bernert, 05 aprile 2022

Sono stati sparati dei civili a Bucha, in Ucraina, come riportato dal governo di Kiev il 3 aprile 2022. L’esercito russo si era ritirato dal villaggio il 30 marzo. Il 31 marzo, il sindaco di Bucha aveva riferito gioiosamente e bonariamente del ritiro dei russi in un video. Non si parlava ancora di morti. Sono arrivati dopo.

Sono arrivati nuove testimonianze che fanno luce sul presunto massacro di Bucha, nella regione di Kiev

Da Fronte Sud, 06 aprile 2022

Il 3 aprile, la macchina della propaganda ucraina ha tentato un altro attacco contro Mosca. Alcuni video che mostrano decine di civili che sarebbero stati uccisi dai militari russi sono stati ampiamente diffusi da tutti i MSM ucraini.

La tesi principale dei media ucraini e occidentali è che i militari russi abbiano lasciato Bucha, provocando enormi perdite civili. Una delle principali prove era un video dell’AFU che guidava lungo la città. Sono stati mostrati cadaveri di civili distesi lungo la strada.

La minima analisi del filmato ha sollevato molti sospetti sulla sua credibilità. Potete leggere maggiori informazioni QUI.

Il 2 aprile, un giorno prima che i “giornalisti” ucraini arrivassero a Bucha per mettere in scena le orribili scene nelle strade, la polizia nazionale dell’Ucraina ha pubblicato un video dell’operazione di pulizia a Bucha.

Per il video clicca qui o sul titolo dell’articolo qui sopra

Il filmato ha confermato che non c’erano cadaveri per le strade. Non un solo civile ha confermato che ci sono state sparatorie di massa in città.

Le squadre di sminamento ucraine che sono entrate in città subito dopo il ritiro russo non avevano lavoro da fare. Sono stati visti camminare per le strade insieme ai civili. Non una sola mina lasciata dai russi è stata mostrata nel video.

I militari della Guardia Nazionale hanno chiesto ad alcuni civili se hanno bisogno di aiuto, nessuno di loro ha risposto chiedendo assistenza immediata, confermando di stare bene.

TRADUZIONE A CURA DI NOGEOINGEGNERIA

FONTE

Racak, gennaio 1999

Il seguente articolo e’ apparso su “Le Monde” del 21 gennaio 1999. In esso si sollevano dubbi sulla versione dei fatti di Racak del 15 gennaio. Secondo “Le Monde” l’operazione della polizia serba era stata seguita per tutto il tempo dagli osservatori internazionali, aveva avuto luogo in un villaggio di montagna quasi interamente occupato da guerriglieri dell’UCK, e l’assenza di sangue e proiettili vicino ai corpi indicava che i morti erano stati uccisi altrove in combattimento e poi raccolti dall’UCK a scopo propagandistico.

I morti di Racak: sono stati veramente uccisi a sangue freddo? La versione dei fatti diffusa dai kosovari lascia aperti molti interrogativi. Belgrado dice che le 24 vittime erano “terroristi” dell’UCK caduti nel corso del combattimento ma rifiuta ogni indagine internazionale.

Un filmato sull’operazione della polizia contraddice la versione fornita dall’OSCE.

Pristina (Kosovo) – dal corrispondente speciale di “Le Monde” Christophe Chatelot

https://digilander.libero.it/lajugoslaviavivra/CRJ/DOCS/walker_racak.html

Toni Capuozzo – “Non voglio vederlo”

La “dittatura dell’indignazione” instaurata con le immagini di guerra: così sopprimono ogni critica

 L’eurodeputata Francesca Donato  aveva preso la parola per rivendicare un’indagine indipendente sui drammatici fatti di Bucha. Richiesta del resto avanzata anche da enti e istituzioni super partes, come Amnesty International o anche l’ANPI, favorevole ad una commissione di paesi neutrali. La deputata è stata tacitata dalla presidente della seduta, l’attuale Vicepresidente del Parlamento europeo Pina Picierno (PD).

IMPORTANTE!: Il materiale presente in questo sito (ove non ci siano avvisi particolari) può essere copiato e redistribuito, purché venga citata la fonte. NoGeoingegneria non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale ripubblicato.Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Leave a Reply