difficult

UN’ALTRA “SIMULAZIONE” GLOBALISTA DIVENTA REALTÀ

un’altra-“simulazione”-globalista-diventa-realta

nogeoingegneria com climate change geopolitica globalist perspective

Scrive James Corbett nel suo ultimissimo articolo: Stiamo piombando nella più grande transizione economica della storia. Non dobbiamo nemmeno fare delle congetture su questo. Già nel 2015, Christina Figueres – all’epoca il massimo funzionario delle Nazioni Unite per il cambiamento climatico – ci disse chiaramente che questo era l’obiettivo finale dei cosiddetti Great Resetters e del loro culto del cambiamento climatico: “Questo è probabilmente il compito più difficile che ci siamo mai dati, che è quello di trasformare intenzionalmente il modello di sviluppo economico, per la prima volta nella storia dell’umanità. Questa è la prima volta nella storia dell’umanità che ci poniamo il compito di cambiare intenzionalmente – entro un periodo di tempo definito – il modello di sviluppo economico che ha regnato per almeno 150 anni, dalla rivoluzione industriale.” VEDI QUI

The Corbett Report

Sapete che l’Evento 201 è stato solo il più importante di una serie di “simulazioni” e “scenari” (tra cui Clade X, Crimson Contagion, Lock Step e SPARS 2025-2028) che hanno preconizzato la paura di una pandemia globale da coronavirus nelle menti della classe politica e manageriale globale?

E sapete come questi “esercizi” (come molteplici giochi di guerra che coincidono con gli eventi catastrofici e catalizzatori dell’11 settembre) non solo hanno anticipato la nostra attuale situazione, ma, cosa più importante, hanno gettato le basi per l’attuale risposta governativa globale alla scamdemia – la creazione di passaporti per i vaccini, la costruzione della griglia di biosicurezza, la repressione dell’”infodemia” di “disinformazione” online, ecc.

Ora, e se vi dicessi che ci sono state un certo numero di simulazioni che hanno avuto luogo negli ultimi anni e che hanno analogamente spiegato il piano dei globalisti per il mondo post-truffa nei minimi dettagli?

Beh, tenetevi forte. I pianificatori globali hanno creato simulazioni, giochi di guerra ed esercizi per simulare le nostre risposte alle crisi che intendono creare nel prossimo decennio. E, per quanto tutte le simulazioni elencate sopra fossero serie, queste preannunciano una visione ancora più buia per l’umanità negli anni a venire. . . .

I giocatori preparano così il palcoscenico

Nel novembre del 2015 – come si può apprendere da un comunicato stampa ufficiale sul sito web di Cargill – “65 responsabili politici internazionali, accademici, imprenditori e opinion leader si sono riuniti presso la sede del World Wildlife Fund a Washington DC per simulare come il mondo avrebbe risposto a una futura crisi alimentare”. Nel corso di due giorni, i partecipanti a questa simulazione di crisi “Food Chain Reaction” hanno immaginato una risposta a una serie di crisi convergenti e sovrapposte nel 2020, tra cui “due grandi crisi alimentari, con prezzi che si avvicinano al 400 per cento rispetto ai valori medi a lungo termine; una serie di eventi meteorologici estremi legati al clima; la caduta dei governi in Pakistan e Ucraina; e carestie e crisi dei rifugiati in Bangladesh, Myanmar, Ciad e Sudan”.

Tra gli attesi luoghi comuni aziendali e il blaterare di ” anticipare le tendenze” per “fare le cose per bene”, il World Wildlife Fund sottolinea il risultato chiave di questo esercizio: “Solo fermando l’espansione agricola, aumentando la produzione agricola, aumentando l’efficienza nell’uso delle risorse e riducendo lo spreco di cibo, possiamo fornire il cibo e il nutrimento di cui abbiamo bisogno, assicurandoci al contempo di conservare la natura per le generazioni future”.

Vi lascerò riflettere sulle implicazioni di questa affermazione con calma, ma il gioco – che, ci è stato assicurato, “è stato costruito nel corso di mesi, con il massimo realismo in mente” – ha continuato a prevedere alcuni scenari molto specifici che sembrano essere sulla buona strada per diventare una cruda realtà, come ” la forte impennata dei prezzi con incombente carenza di cibo globale nel 2022″ che ha spinto i protagonisti della UE a imporre una tassa sulla carne. Ma ecco il colpo di scena: questo “gioco” si è concluso con l’imposizione di una tassa globale sul carbonio.

Oh sì, i controllori globali non possono passare tre minuti senza invocare il loro spauracchio preferito, la paura del clima, per imporre un maggiore controllo sull’umanità, e questo “gioco di guerra” ha solo dimostrato questa regola. In questo caso John “Pizzagate” Podesta, come uno dei “Key Players and Game Control Staff” che dirigeva l’esercizio, ha aiutato a guidare il branco di marmotte globaliste – inclusi i rappresentanti di istituzioni multilaterali come la Banca Mondiale, l’International Finance Corporation e il Programma Ambientale delle Nazioni Unite, così come i dirigenti dell’industria di società come Louis Dreyfus Commodities, MARS, Inc. e Thomson Reuters – verso la conclusione preordinata secondo cui l’unico modo per placare gli Dei del Tempo sarebbe di istituire una tassa globale.

Se tutto questo può sembrare familiare, è perché lo è. Infatti, l’intero scandaloso scenario della reazione a catena alimentare rispecchia solo altre recenti “simulazioni” e “scenari” da parte della folla del jet set globale, tra cui il rapporto “Reset The Table” della Fondazione Rockefeller che chiede il consolidamento del controllo globalista dell’approvvigionamento alimentare globale e la “Clean Your Plate Campaign” del ChiCom, che mira a portare la gestione tecnocratica dell’economia nella sala da pranzo di ogni cittadino, monitorando e punendo gli “sprechi alimentari” e controllando in maniera più stretta i processi di produzione alimentare.

Tutte queste iniziative (e molte altre simili) puntano tutte nella stessa direzione: usare le crisi percepite (vere o false, genuine o generate) per “trasformare” la fornitura globale di cibo dalla fattoria alla forchetta, eliminando i piccoli agricoltori a favore dell’agribusiness globale e trasformandoci in un mondo in cui le uniche opzioni alimentari disponibili sono OGM, insetti, “carne” coltivata in laboratorio e altri alimenti frankenstein.

E la parte peggiore è che le “crisi alimentari” che queste “simulazioni” hanno da tempo immaginato stanno rapidamente diventando una realtà.

Il piano di gioco prende vita

E come svela Christian “Ice Age Farmer” Westbrook nel suo ultimo podcast, la “simulazione” di Food Chain Reaction non era solo una visione lontana di una possibile distopia futura. Infatti, se avete seguito i titoli dei giornali, sembra sempre di più un altro di quegli “esercizi” globalisti che semplicemente per caso si trasformano in realtà.

Mentre scrivo, l’impennata dei prezzi del gas naturale sta causando una carenza di fertilizzanti di azoto, che a sua volta sta contribuendo ad alimentare l’inflazione dei prezzi degli alimenti. Questo ha portato la Russia a imporre quote di esportazione di fertilizzanti a base di azoto, aggravando i problemi del settore agricolo, che sta già risentendo della decisione cinese di settembre di bloccare tutte le esportazioni di fosfato, un altro ingrediente chiave dei fertilizzanti commerciali. Il problema è già stato avvertito dagli agricoltori di tutto il mondo, e la Commissione brasiliana per l’agricoltura e la riforma agraria ha affrontato la questione come una delle principali minacce alla sicurezza alimentare, mentre l’aviazione indiana ha contribuito ad assicurare spedizioni di fertilizzanti allo Sri Lanka.

Ma non è tutto. Storie di sventura arrivano dai contadini da ogni parte del globo, mentre il mondo sprofonda in una serie di crisi alimentari senza precedenti.

Le siccità storiche hanno colpito duramente gli agricoltori californiani, mentre nel frattempo sono rimasti indietro le spedizioni di container rendendo difficile l’esportazione di quel poco che sono stati in grado di raccogliere.

In Canada, la ristrutturazione di una delle principali compagnie ferroviarie del paese ha fatto sì che gli agricoltori si chiedessero se quest’anno saranno in grado di trasportare il loro grano come al solito. Due casi di mucca pazza in Brasile hanno spinto la Cina a bloccare le importazioni di carne brasiliana, e il Brasile ha parzialmente fermato la produzione di carne bovina in cambio. E un nuovo giro di minacce virtuali false-flag contro l’industria agricola americana ha fatto preoccupare i senatori degli Stati Uniti per il potenziale impatto di attacchi informatici alla sicurezza nazionale.

Sì, una volta messi insieme i pezzi di questo puzzle, non c’è dubbio che stiamo entrando in una crisi alimentare generata esattamente come la Reazione a catena alimentare “predetta” per questo periodo 2020-2030. E sta per diventare ancora peggio.

Esattamente nei tempi previsti (ed esattamente come il gioco della Reazione a catena alimentare ha previsto), agli agricoltori viene ora chiesto di iniziare a tagliare le emissioni di carbonio per soddisfare gli obiettivi “zero netto” (o è “zero assoluto”?) dei globalisti per l’Agenda 2030.

L’onere finanziario supplementare per il settore agricolo che deriva dall’attuazione di queste misure (senza senso) non potrebbe arrivare in un momento peggiore per un settore già in piena crisi… a meno che i controllori globali non stiano cercando di esasperare questa crisi, naturalmente.

Non c’è dubbio che una crisi alimentare globale è alle porte. La gente sta già iniziando a sentire il peso di questa crisi alla cassa perché l’inflazione dei prezzi degli alimenti si fa sentire, ma se le cose continuano in questa direzione, la situazione peggiorerà ancora di più. Quindi cosa si può fare?

Cosa si deve fare

Questa non è scienza missilistica. I piani degli organizzatori della reazione a catena alimentare e della loro razza si basano sulla nostra dipendenza dal loro sistema globale di approvvigionamento alimentare e dai supermercati che distribuiscono quegli alimenti, quindi tutto ciò che può essere fatto per aumentare la vostra indipendenza da quel sistema è un punto a vostro favore.

Questo inizia con il prendersi carico da parte di ogni famiglia di prepararsi per un periodo di prolungata scarsità di cibo e di aumento dei prezzi del cibo. Le vecchie verità da precursori sulla preparazione a una crisi alimentare si applicano qui:

– Fate un inventario di ciò che avete.

– Elaborate un “budget alimentare” realistico per la vostra famiglia per determinare ciò di cui avete bisogno su base settimanale/mensile.

– Scoprite cosa è disponibile direttamente dai coltivatori della vostra zona e stabilite subito dei rapporti con loro.

– Preparate una fonte di acqua pulita e/o un sistema di purificazione dell’acqua.

– Preparate una scorta a breve termine di alimenti di base non deperibili.

– Preparate una scorta a lungo termine di grano, riso, fagioli, avena, pasta e altri alimenti di base che possono essere conservati in modo sicuro per lunghi periodi di tempo.

Questi consigli sono un buon inizio, ma la vera soluzione a questa crisi non può finire qui. Anche se possiamo aumentare la nostra indipendenza dall’approvvigionamento alimentare globale con questi metodi, non possiamo raggiungere la vera indipendenza finché non avremo costruito un’economia alimentare alternativa.

Ho evidenziato molti modi per farlo nel mio lavoro nel corso degli anni. Ho parlato con esperti del giardinaggio urbano e scegliendo i polli. Ho esplorato l’arte del giardinaggio di guerriglia. Ho discusso dei giardini vittoriosi. Ho parlato di strumenti per trovare e approvvigionarsi da coltivatori locali e cibo gratis e vi ho presentato Reko Rings, Farm Shares e Farmer Bazaar. Queste sono buone risorse per iniziare, ma c’è molto di più da dire su queste tematiche, quindi continuerò a coprire questi argomenti su #SolutionsWatch in futuro.

Tuttavia, soluzioni come queste sono buone solo quanto il nostro impegno nella loro realizzazione, e il nostro impegno in queste soluzioni dipende dalla nostra comprensione della loro importanza. Gli aspiranti governanti del mondo vi hanno già raccontato i loro piani. Sappiamo che la crisi alimentare sta arrivando e sappiamo anche che senza sovranità alimentare non c’è vera sovranità.

Il tempo di stare in disparte è finito. È il momento di rimboccarsi le maniche e mettersi al lavoro per far sì che la vostra famiglia non dipenda dal rifornimento degli scaffali del supermercato.

Traduzione a cura di Nogeoingegneria 

Puoi seguire Nogeoingegneria con Telegram e ricevere le notizie sia su cellulare che su PC. https://t.me/NogeoingegneriaNews

Questo editoriale settimanale fa parte della newsletter di The Corbett Report Subscriber.

Per sostenere The Corbett Report e per accedere alla newsletter completa, si prega di registrarsi per diventare un membro del sito web.

FONTE https://www.minds.com/CorbettReport/blog/another-globalist-simulation-comes-true-1304283142890197012

Avvisaglie

Code e panico nei supermercati in Cina: ecco cosa c’entrano le chiusure dovute al Covid-19

Germania: scaffali dei supermercati vuoti a Natale 2021?

Regno Unito, nei supermercati verdura finta per nascondere …

‘ESERCITAZIONE’ 2020

IMPORTANTE!: Il materiale presente in questo sito (ove non ci siano avvisi particolari) può essere copiato e redistribuito, purché venga citata la fonte. NoGeoingegneria non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale ripubblicato.Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Leave a Reply